quartiere artecasa morramuseo nitschshimamotoLOGO TOP VIGNA2

Domenico Mennillo

Domenico Mennillo photo G Irlanda P

Domenico Mennillo, nato a Napoli nel 1974, si laurea in Estetica presso l’Università Federico II di Napoli con una tesi sul rapporto fra Antonin Artaud e Gilles Deleuze, con un capitolo dedicato alle neoavanguardie artistiche napoletane del secondo novecento.

Fonda nel 1999 lunGrabbe (www.lungrabbe.it), esperimento multidisciplinare fra teatro sperimentale, architettura, parola poetica e arte ambientale, realizzando azioni, performance, installazioni, poemi-concerto, mostre, film, spettacoli e pubblicazioni di ricerca letteraria. Suoi lavori sono ospitati in festival e rassegne come La Biennale di Venezia X. Mostra Internazionale di Architettura, Fresco Bosco (a cura di Achille Bonito Oliva), La Triennale di Milano, Benevento Città Spettacolo, Primavera dei Teatri, Progetto XXI/Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee.

Da gennaio 2011 a maggio 2017 realizza a Napoli il progetto pluriennale Abrégé d’Histoire Figurative, creando installazioni, expo e performance site specific, miranti all’individuazione di tre concetti-figure legate alla filosofia e alla cultura moderna occidentale, per la creazione di un compendio di figurazione visuale diviso in tre sezioni: Pierrot ou d’Automate Spirituel, Museo Nitsch 2011-2013 e Museo MADRE 2011 e 2012; Atlante della Fertilità, Palazzo Bagnara-Fondazione Morra, 2011-2012 e Villa Pignatelli-Casa della Fotografia, 2014; WLK Wunder_Litterature_Kammer, biblioteca del Museo Nitsch, 2015-2016 e Villa Pignatelli, 2016 e 2017.

Per il teatro e le arti performative pubblica diversi volumi, fra cui: Partiture Visive. Teatro d’Architettura (E-M Arts/Fondazione Morra, Napoli 2004), il catalogo Alcune Architetture di Caivano 2002-2006. Il teatro di lunGrabbe nelle architetture caivanesi (IL LABORATORIO/le edizioni, Nola 2006), Andromaca. Opera neoplatonica in IV stanze ricreative, con un saggio di Lorenzo Mango (edizioni Morra, Napoli 2007); Alcune Architetture di Napoli 2003-2013. Il teatro di lunGrabbe nelle architetture napoletane (edizioni Morra, Napoli 2014), lavoro contenente le partiture teatrali del progetto decennale di lunGrabbe dedicato alle architetture della città di Napoli.

Per la poesia invece pubblica: LA#MONT(E)YOUNG Composizione 3 (lunGrabbe, Napoli 2001), il poema in prosa Foglio di Giostre e Film nella città (con Perino&Vele, Marco Di Palo e Paolo Renza) cofanetto libro-CD audio (IL LABORATORIO/le edizioni, Nola 2007), in due differenti edizioni a tiratura limitata; OPUS INFECTUM poemi 1999-2008 (Bibliopolis, Napoli 2010); CITYSCAPE (IL LABORATORIO/le edizioni, Napoli-Nola 2012), libro d’artista a tiratura limitata con 15 sue poesie e 5 incisioni e 1 serigrafia di Christian Leperino; I ponti della merla grigia, con una sua poesia in italiano e inglese e una fotografia di Raffaela Mariniello, (Edizioni del Merlo, Nola 2016), in 99 esemplari numerati e firmati.

In Francia nel 2015 collabora al n.2 della rivista di cronaca, poesia e storia delle avanguardie Celebrity Cafè (edita a Parigi da Les Presses du Réel), con un suo studio sulle neo-avanguardie verbovisuali napoletane del secondo novecento.

In Irlanda nel 2016, per le edizioni d’arte redfoxpress, partecipa al volume collettivo 591, diretto da Jean-Francois Bory. Sempre con Bory a Parigi dal 2017 dirige per la Posillipo&Seine Edition la collana festina lente dedicata alle avanguardie artistiche del novecento di Napoli e Parigi.

Come curatore realizza diversi progetti ed eventi legati alla sperimentazione e contaminazione fra teatro, filosofia, arte ambientale e visuale, fra cui: Alcune Architettura di Caivano, progetto quinquennale (2002-2006) di teatro e architettura realizzato per le architetture della città di Caivano, sostenuto dalla Regione Campania, dalla Provincia di Napoli e dal Comune di Caivano; Speculum Celestiale (con Maurizio Elettrico e Raffaella Morra) progetto biennale di bio-arte per la Vigna San Martino di Napoli, sostenuto dalla Fondazione Morra e dalla E-M arts, per la quale sono apparsi anche i relativi tre cataloghi in italiano e inglese (Edizioni E-M Arts, Napoli 2007, 2009 e 2011); La Parola Totale/La Scrittura Visuale (sezione bibliografica), progetto sostenuto dal Museo MADRE/Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee, ideato nel 2014 e 2015 da Peppe Morra con 4 mostre dedicate alla scrittura verbo-visuale italiana (Napoli, Genova, Milano, Roma Firenze) e internazionale (Duchamp, Cage, Chopin, Ruhm, Gappmayr, Kolar). Nell’ambito del suo progetto di filosofia e arti performative Naturate Rivolte#2, presenta a Napoli, in prima nazionale, il film di Jean-Marie Straub O Somma Luce dall’ultimo Canto del Paradiso de La Divina Commedia di Dante, interpretato da Giorgio Passerone.

Per la didattica e la divulgazione scientifica cura l’ideazione e la conduzione di diversi work shop, scuole di formazione e conferenze dedicate alle arti performative e ambientali, sostenute e finanziate da: Seconda Università di Napoli, Università Federico II, Centro Studi Post Coloniali e di Genere dell’Università l’Orientale di Napoli, Università degli Studi di Napoli Suor Orsola Benincasa, MIBACT, Nuovo Teatro Nuovo, Accademia di Belli Arti di Napoli, Accademia di Belli Arti di Roma, INDA (Istituto Nazionale del Dramma Antico), CRIE (Centro di Ricerca sulle Istituzioni Europee), Villa Pignatelli-Casa della Fotografia, Museo MADRE, Castel Sant'Elmo/Museo Napoli '900, Museo Nitsch, PAN (Palazzo delle Arti di Napoli), Goethe Institut, Fondazione Banco di Napoli per l'Assistenza all'Infanzia, Fondazione Massone Cerza, APOREMA onlus, Coop EVA onlus.

 

 

2011 L’automa spirituale. Tre declinazioni | 2011 | Museo Nitsch | Napoli

 

pdf  Invito

#1 PIERROT ou d'Automate spirituel

2011-2013 Museo Nitsch
2011-2012 Museo MADRE

PIERROT è un progetto di filosofia e arti performative che nasce attorno ad un concetto fondamentale del pensiero filosofico di Gilles Deleuze, l’automatespirituel (automa spirituale); questo concetto, questa figura, scaturisce a sua volta da alcune riflessioni di Deleuze attorno le figure e le opere di Baruch Spinoza e Antonin Artaud.
Leggi tutto

 

 

2011 Naturate rivolte #2| Museo Nitsch | Napoli


pdf  Invito

 

 

2011 Atlante della Fertilità | Palazzo Ruffo di Bagnara | Fondazione Morra | Napoli


pdf  Invito

#2 Atlante della Fertilità

2011-2012 Palazzo Bagnara-Fondazione Morra
2014 Villa Pignatelli-Casa della Fotografia

Nel 2008 ho iniziato a scrivere, a Napoli, un poema sulla memoria di alcuni flash visivi ricorrenti della mia esistenza. La cui valenza, nell'atto della loro prima stesura, si rivelava consona al racconto di una città legata ad atti ed azioni frammentarie e incongruenti ma necessarie e naturali per la sua sussistenza quotidiana.
Leggi tutto

 

2013 Naturate rivolte # 2 | Museo Nitsch | Napoli


pdf  Invito

 

 

2014 Poema Visivo 1976 | ideato da Domenico Mennillo (LunGrabbe) | Museo Nitsch | Napoli


pdf  Invito

 

 

2015 Wunder_Litterature_Kammer | Museo Nitsch | Napoli


pdf  Invito

#3 WLK Wunder_Litterature_Kammer

2015-2016 Museo Nitsch
2016 Villa Pignatelli-Casa della Fotografia

WLK Wunder_Litterature_Kammer, ruota attorno al fenomeno delle Wunderkammer, sviluppatesi in Europa nel Rinascimento e trasformate e rimodellate, secondo diverse esigenze e spinte, fino alle avanguardie artistiche novecentesche e alle più recenti ricerche filosofiche-artistiche.
Leggi tutto

 

Fondazione Morra

Vico Lungo Pontecorvo 29/d
80135 Napoli

Orari: lunedì-venerdì 10- 19 | sabato 10-14

Info Point

Tel +39 081 5641655
Fax +39 081 5641494

info@fondazionemorra.org

Menu

Newsletter
Privacy & Cookie Policy