quartiere artecasa morramuseo nitschshimamotoLOGO TOP VIGNA2

THOMAS DE FALCO

Thomas De FalcoNato nel 1982, vive e lavora tra Milano, Parigi e Roma. Thomas De Falco esprime la propria ricerca e produzione artistica attraverso la realizzazione di arazzi, isprirandosi all’antica arte della tessitura a telaio verticale. C’è qualcosa di magico nell’abilità di cucitura dell’artista, una sorta di ballata ancestrale tramandata attraverso gli anni; precisamente è nei materiali, quali lana, cotone, lino, seta, canapa o ferro, che viene trasmessa una sensazione di purezza al tatto e alla vista.

De Falco lavora manualmente utilizzando la tecnica del “wrapping”, una moltiplicazione incessante di nodi nei densi arazzi. Questa tecnica si basa sull’uso di cardi di lana che l’artista unisce manualmente. In base a come viene avvolta, la lana può essere distribuita in modo tale da variare lo spessore e la forma del wrapping scultoreo, considerando questo l’elemento più caratteristico e personale dell’artista. Le sculture di De Falco si ispirano in particolare alla natura e ai sentimenti ed emozioni dell’uomo. È quindi la performance il mezzo attraverso il quale l’artista dà vita alla propria scultura, collegando i “wrapping” ai corpi dei perfomer che si fanno interpreti del messaggio artistico di De Falco.

Tra le mostre personali e le performance realizzate si annoverano: 2017-2018 Nature, mostra personale, La Triennale di Milano, Milano; 2017 Intricacy, performance ed installazione tessile, La Triennale di Milano, Milano; 2017 Silenti, performance ed installazione tessile, Palazzo dei Priori, Città di Castello (PG); 2017 Wrapping, performance ed installazione tessile, PAC | Padiglione d’Arte Contemporanea, Milano; 2016 Roots, performance ed installazione tessile, MAXXI | Museo nazionale delle arti del XXI secolo, Roma; 2016 TDF TEMPO, performance ed installazione tessile, Chiesa di San Pietro in Atrio, Como; 2016 Alba, performance ed installazione tessile, Museo dell’Ara Pacis, Roma; 2015 Red, performance ed installazione tessile, Museo Marino Marini, Firenze; 2013 Rinascita II tempo, performance ed installazione tessile, GloriaMaria Gallery Atelier Les Copains, Milano; 2013 Rinascita, performance ed installazione tessile, GloriaMaria Gallery Atelier Les Copains, Milano 2013 Beauty bh, performance ed installazione tessile, Fondazione Pastificio Cerere, Roma; 2012 TDF, performance ed installazione tessile, The Room Gallery, Roma; 2011 Constellation TN, performance ed installazione tessile, Piazza XXIV Maggio, Milano; 2010 Natura morta W, performance ed installazione tessile, La Triennale di Milano, Milano

Tra le mostre collettive: 2018 Alberi, Thomas De Falco, Elisabetta Maria Novello, Spazio PAePA, Milano; 2017 Opere su carta, Galleria delle Arti di Luigi Amadei, Città di Castello (PG); 2017 Tisser les rêves, Miniartextil, Centre culturel le Beffroi, Montoruge; 2016 Tessere sogni, Miniartextile, Spazio Culturale Antonio Ratti, Como; 2016 Rosso, Galleria Annamaria Consadori, Milano; 2015 Blu, Galleria Annamaria Consadori, Milano; 2015 Group show, Museo del Tessile della tradizione industriale, Busto Arsizio (VA); 2014 Green, Galleria Annamaria Consadori, Milano; 2011 Il corpo delle donne, Gallery VG, Milano; 2011 Melì-Mel , Red Church Street Gallery, Londra 2011 Puls, Bo Art Gallery, Copenaghen; 2009 ARTextile, Monza (MI); 2008 ArtC, Tokyo-Kyoto; 2008 Petite Gallerie, Parigi; 2007 ArtMI, Loggia dei Mercanti, Milano; 2007 Trasparenze, Villa Sartirana, Giussano (MI); 2007 ArtDesign, Castello Sforzesco, Milan 2006 ArtM, Monza (MI)

 

MATERIE

“Mio albero, ti parlo e ti dico i miei pensieri segreti. Tutta la mia verità, tutti i miei desideri rustici, tu sai tuttodi me e dei tormenti della vita più semplice, di quella più vicina a te.”

Cit. Paul Valery

Sulla monumentale scala a matrice ottagonale del Palazzo Cassano Ayerbo D’Aragona, il 29 giugno 2018 prenderà corpo, dopo un periodo di residenza svolto in questo stesso luogo, la performance ed installazione tessile dell’artista Thomas De Falco. Una visione giocata sul dialogo fra forme umane e naturali, nella loro originaria reciprocità, si declinerà attraverso un paesaggio misto di corpi ed arazzi scultorei, in cui i performer divengono prolungamento scultoreo, protuberanza del supporto attraverso wrapping usati come connettori dei due mondi e, a loro volta, controfigura della natura stessa, in uno scenario onirico e totalizzante.

Leggi tutto

Fondazione Morra

Vico Lungo Pontecorvo 29/d
80135 Napoli

Orari: lunedì-venerdì 10- 19 | sabato 10-14

Info Point

Tel +39 081 5641655
Fax +39 081 5641494

info@fondazionemorra.org

Menu

Newsletter
Privacy & Cookie Policy